IL POWERLIFTING

- Società affiliata FILP -

VALMESSA POWERLIFTING TRE DIl powerlifting è una disciplina sportiva che ebbe i suoi inizi negli anni Settanta, letteralmente nella lingua italiana significa ‘alzata di potenza’; infatti, i movimenti sono corti e con carichi elevati, per tale motivazione si richiede agli atleti una notevole resistenza allo sforzo.                                      

Esso consiste essenzialmente nell’esecuzione di tre esercizi fondamentali:                         

-SQUAT: gli arti coinvolti maggiormente sono quelli inferiori; l’atleta sostiene il bilanciere sulle spalle impugnandolo con le mani, lo sguardo deve essere rivolto verso un punto lontano e i piedi devono avere una posizione parallela con apertura corrispondente a quella delle spalle. Successivamente bisogna flettere le gambe fino ad arrivare sotto il parallelo rispetto all’angolo di 90° formatosi tra anca e ginocchio. Durante la risalita bisogna anticipatamente spingere le spalle verso l’alto rispetto al zona lombare fino a tornare alla posizione di partenza.

-PANCA: gli arti coinvolti maggiormente sono quelli superiori; l’atleta poggia su una panca piana con le braccia distese sopra il petto sostenendo il bilanciere e i piedi ben aderenti al suolo. Da questa posizione si accentua l’arco dorsale, avvicinando le scapole fra loro in modo tale da abbassare le spalle. Dopo ciò, si flettono le braccia tenendo i gomiti sulla stessa linea del bilanciere fino a toccare il petto per poi spingere il peso verso l’alto distendendo le braccia. Si torna così alla posizione di partenza.

-STACCO DA TERRA: l’atleta flette le gambe fino ad afferrare il bilanciere posizionato a terra, mantiene la zona lombare ipertesa e come nel caso della panca piana, le scapole vengono avvicinate fra loro. Successivamente con tutti gli arti presi in considerazione, si sale in contemporanea fino ad assumere una posizione eretta con le gambe completamente tese, il petto ed il bacino che spingono in avanti.

Il powerlifting è uno sport difficile da sostenere in quanto richiede sforzo, sacrificio e concentrazione da parte dell’atleta con un programma rigido e costante da rispettare.           Infatti è importante avere un allenatore presente che riesca a sostenerti, e con il quale instaurare una fiducia reciproca  in modo da portarti al raggiungimento degli obiettivi preposti.

Newsletters

Facebook

Facebook